locale

LA CASA DELL’UNDERGROUND: un CBGB a modo nostro

Quando nasci e cresci nel bel mezzo di una zona famosa per i suoi mobilifici e le sue mille fabbrichette, circondato da gente per cui lavorare duro giorno e notte è un valore… beh quando vivi in un posto così e ti ritrovi a prendere in mano un edificio con il triplo dei tuoi anni per farci un locale di musica dal vivo, i casi sono due: o sei pazzo, oppure credi seriamente in qualcosa.

Nel nostro caso siamo stati entrambi: un collettivo di folli seriamente intenzionanti ad aprire un live club in una delle zone più noiose d’Italia. Abbiamo sudato un sacco ed oggi, nove anni dopo, l’Honky Tonky è ormai riconosciuto come un’istituzione nel panorama underground italiano, un rifugio per tutte quelle persone che vivono di musica fatta di sudore, sangue e cuore.

 

LIVE: verbo intransitivo, VIVERE, ESSERE VIVO.

All’Honky Tonky ne abbiamo viste e sentite di tutti i colori: dai clienti più affezionati che si son tatuati il logo del locale, ad altri più disinvolti che ci hanno fatto l’amore (si, a locale ancora aperto!), dagli stage-diving dal bancone in momenti di ubriachezza, ai classici accenni di litigata che poi puntualmente si risolvono a suon di brindisi con pinte di Guinness. Il tutto ovviamente passando per centinaia di concerti, dagli Obituary ai Verdena.

L’unica cosa che però non vedrete mai all’Honky è qualcuno che si lamenti dei concerti. Rimarremo sempre e comunque fedeli a quel motto che vuole la musica prima di tutto, e, tra l’acustica dell’edificio, gli investimenti fatti negli anni e ma soprattutto la competenza dei nostri fonici, ormai è opinione comune che ci siano pochi posti dove i concerti te li godi come all’Honky.

 

Se il luogo comune per cui l’Italia sarebbe il terzo mondo della scena musicale internazionale è vero, la Brianza era fino a qualche anno fa una landa sconosciuta ai tour manager stranieri. Non è stata cosa semplice, ma grazie ad un ottimo lavoro con le migliori agenzie oggi potrete venirvi a vedere le vostre band estere preferite a pochi minuti da casa. Da istituzioni metal come Obituary e Macabre, alle nuove leve dell’indie come gli islandesi Lockerbie, dagli eroi punk come Discharge, Less Than Jake, Apers e Zatopeks a chicche come NoMeansNo, Jens Robert Dahlqvist degli Hellacopters o Keith Caputo, o i Prima Donna… sono passati di qui in tanti, così tanti da essere riusciti a rendere l’Honky una probabile tappa del tour europeo della vostra band preferita. Ed aspettate di vedere cosa stiamo preparando per questa stagione!

 

 

 

 

Newsletter

Honky tonky Via comina 35/37 Seregno (MB)
Mail info@honkytonky.it
Partita IVA 06831540965